Notizie

diventare sport trader
Diventare Sport Trader: è necessario un corso? Per diventare Sport Trader è necessario frequentare un corso? Dipende, se il corso è uno qualunque, forse è meglio di no. Se, invece, il corso è un corso come si deve, se il corso è IL corso, allora è fondamentale. E’ necessario frequentare un corso? Le similitudini con il

Lo Sport Trader non scommette

sport trader
Lo Sport Trader non scommette, lo Sport Trader fa trading Non serve più azzeccare il pronostico dell’evento, con il trading sportivo si può generare un profitto senza azzeccare il pronostico delle partite. Questa è la vera Rivoluzione del Betting Exchange. Quando parliamo di scommesse tradizionali, lo sappiamo bene: si vince solamente se si azzecca il
campionato di calcio italiano
Campionato di calcio italiano: quando le partite non ti bastano mai Tutto inizia il venerdì sera, e po l’adrenalina del sabato e della domenica. Il campionato di calcio italiano, l’unica certezza nelle tante incertezze che ci circondano. Con gli amici, al pub o al ristorante, dovunque ma con lo schermo davanti. Non puoi perderti nessuna
Expected Goals
Expected Goal: il concetto di Goal atteso La statistica applicata al calcio. Già, perché è vero che il pallone è a volte imponderabile, ma è altrettanto innegabile che un approccio scientifico al match distingue un trader da uno scommettitore. Perché una cosa è scommettere e restare attaccato ai destini del match incrociando le dita. Un’altra è partecipare ed
milano sport trading academy
Scaramantico il 97% dei napoletani, Milano al secondo posto A posizionarsi al secondo posto in Italia è Milano con il 92% di persone che preferiscono non sfidare la sorte. A metterlo in evidenza è un sondaggio realizzato dalla Sport Trading Academy. «Non è vero ma ci credo»: il 97% dei napoletani è scaramantico. E proprio
sport trading academy il messaggero
Roma, «Non è vero ma ci credo»: tra amuleti e cornetti rossi, l’89% dei romani è superstizioso Cornetti rossi e amuleti: chi può si difedende così, perché – pur essendo un vecchio adagio – il “Non è vero ma ci credo” va ancora di moda e Roma è la quarta città italiana per la percentuale
TORNA SU